“Violenza sulle donne, quando la violenza entra in sala parto”

La violenza durante il parto è sicuramente un’ esperienza diffusa di cui non si osa parlare o si parla troppo poco.  Purtroppo viviamo ancora  con il condizionamento di una  cultura retriva  e maschilista.   Sottilmente -ma anche grossolanamente- costringe le donne ad inibire l’espressione e l’affermazione  dei propri vissuti, a  mantenere il segreto e  stabilire così una complicità non voluta.  Rese insicure e  deboli le donne sono colpevolizzate e perfino in sala parto,- lì dove si esprimerebbe il loro naturale potere creativo -generativo-  sono destinate a subire  violenze fisiche e verbali, maltrattamenti di ogni genere, considerati però “normali” e quasi parte integrante dell’esperienza stessa del parto! Non si tratta di casi isolati,  esistono alcune testimonianze di donne coraggiose che hanno avuto la voglia di esporsi e di denunciare. A  scanso di polemiche , dal 1985 esistono le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per migliorare l’assistenza ostetrica. Occorrerebbe fare delle ricerche e delle inchieste approfondite per rivedere cosa sia veramente la cosiddetta ..”depressionepostpartum”.

Vedi http://www.ladonnasarda.it/magazine/approfondimento/6823/quando-la-violenza-entra-in-sala-parto.html

.(copyright foto di Laura Salvinelli http://www.laurasalvinelli.com/)

– “Prostitution and human trafficking cannot be separated” (Interview with Manfred Paulus)

“Prostitution and human trafficking cannot be separated”
(Interview with Manfred Paulus)

2014_5_prosti_paulus_w

Manfred Paul knows the red light milieu very well. For more than 30 years, he was in charge of prostitution and trafficking in women as head of a criminal inspection unit in Ulm. Even before his retirement, the EU sent him as an expert into the “recruitment countries” of the women who end up in German brothels, model apartments and walking the streets. Paulus researched from Belarus to Romania the paths used to bring sold women to Germany.
The SPD emphasizes that one must distinguish between prostitution and human trafficking.
In Germany we now have up to 100 percent of women imported from abroad for prostitution. It should be clear that a Belarusian woman from the Chernobyl area or a Roma from the ghetto in Romania can never make her way alone to Germany to work in prostitution. They…

View original post 1,190 more words

– Prostitution : Manifeste des traumathérapeutes allemand-e-s‏

opfer_w
« Au moment même où les politicien·ne·s allemand·e·s subissent de fortes pressions du lobby proxénète local pour en finir avec toutes les lois entourant la prostitution, un autre groupe de voix se lève pour rejoindre l’opposition à ce très riche et très puissant lobby. Il s’agit de thérapeutes de traumatismes qui œuvrent depuis longtemps auprès de femmes et de filles aux prises avec l’industrie du sexe, et ce qu’elles et ils ont vu dans le cadre de leur carrière suffit à les convaincre que la prostitution n’est pas, et ne sera jamais, un travail normal pour la grande majorité des celles qui la pratiquent. » Sabina Becker
«La prostitution n’est en aucune façon un métier comme un autre. Elle est affaire de dégradation, de torture et d’exploitation. Les personnes prostituées vivent beaucoup d’horreur et de dégoût, qu’elles doivent réprimer afin d’arriver à y survivre.» C’est ce qu’affirme Michaela Huber, psychologue et directrice…

View original post 1,050 more words

Foto: guarda la bellezza degli alberi più vecchi del mondo

Pianetablunews provvisorio

Beth Moon,un fotografo con sede a San Francisco, Stati Uniti d’America, ha trascorso gli ultimi 14 anni della sua vita fotografando gli alberi più antichi del mondo.

Ha viaggiato in tutti gli angoli del globo per catturare la bellezza delle più belle piante che crescono in località remote e sembrano vecchi come la terra stessa.

View original post 164 more words

MetroPolis

Nel Metrò Il viaggiare, l’attraversare, il percorrere, seguono direzioni circoscritte e padroneggiate, -un continuo Movimento, sì, ma in un breve o più lungo tragitto di viaggio e di tempo -, contemplano ‘punti d’arrivo’, ‘fermate ‘,’ transiti ‘,’ passaggi ‘.

Luogo consueto della quotidianità, il sottosuolo metropolitano accoglie così una speciale e sottile anomalia, dato che apre un  metaforico varco emozionale, una sospensione nel tempo cronologico, consegnando il soggetto allo spazio emotivo dell’Attesa.

Nella “fucina” sotterranea della Città (Polis),dove   il Tempo Incalza al ritmo degli arrivi e delle partenze, e non solo, al ritmo del traffico e delle destinazioni, e soprattutto del fine raggiunto o da raggiungere;  l’essere umano si dispone a meccanismo, ad automa; nel sottosuolo della Città, ecco che si articola e scandisce altro Tempo, dentro cui le figure di passaggio (L’uomo che marcia) sI trasformano in figure e in forme dell’Attesa (Attesa Uno) , (Attesa Due). Affiora, un fulgore di melanconia (Figura melanconica).

L’Attesa: una figura del Tempo “vissuto”, un’esperienza avverabile di spazio psichico, è attitudine interiore della Mente e del corpo che si articolano insieme; nelle posture, nelle espressioni dei volti, le figure mute si rappresentano anche in silenzio.

In questo silenzio che è  un vuoto, le figure si incontrano , nei disegni dell’Artista, sI guardano, avolte si scrutano, si evitano (Il posto vuoto), raramente comunicano, se non in coppie, -già istituite -? (Il padre e il figlio), (Due amiche). O Nel trio (Tre)?

Quasi sempre gli esseri,  creatura metropolitane,si chiudono, si sottraggono all’impatto dell ‘incontro forzato  con l’Altro; respingono il contatto, resistono all’Incontro della soggettività di un altro, privilegiano il vuoto: il sedile vuoto, il posto vuoto, la carrozza vuota, e anche al ‘vuoto’ volgono leloro spalle forti o fragili.

Eppure, esse, le creature metropolitane, non possono evitare l’esprimersi, anche qando si negano alla relazione, e chiudendosi nei loro corpi, chinano la testa, distolgono lo sguardo, chiudono gli occhi, li stropicciano, volgendoli da un’ altra parte.

E’ l’urgenza di saturare i sensi per collocarsi in un Altrove, immergendo il corpo, la Mente, nei suoni della musica o nelle voci dei cellulari. E’ l’affidarsi ad un mondo distante e virtuale (Tecnocrate), anche se una donna ( Ragazza che guarda) lo vede e lo sta guardando, interessata? Purtroppo Lei si trova … in un altro disegno …

Spesso dormono i passeggeri di ogni nazionalità e lingua, chissà se sognano e che cosa sognano? Anche da svegli i loro corpi stanno sognando. Eppure loro, non lo sanno di sognare, nelle loro postura figuranti nello spazio, d’accordo con propri “oggetti”: borse, scarpe, cellulari; i loro i gesti e i loro corpo tradiscono, a volte, trattengono a  malapena, segrete violenze, seduzioni, ammirazioni, dolori, amori, sbigottimenti. In ogni dove, la Mente, l’Inconscio, si  percepiscono parlare, per chi sa prestare loro ascolto.

Si sfiorano le vite umane racchiuse nelle singole storie, ché probabilmente non verranno mai viste ne’ narrate. Ché a volte viene meno il soggetto nel  sigillo della corazza corporea … posturale.

Ma l’Autore, -non letteralmente l’artista, bensi un volto sofferto, ritratto metaforico in cui l’artista sI ravvisa -, sceglie di diventare Narratore di queste vite mute in transito e transitorie, d ‘essere il Testimone di questi personaggi anonimi , parti di noi tutti che li guardiamo.

Le creature metropolitane troveranno la loro liberazione? Ovvero una via d’uscita? O almeno una momentanea catarsi? Un sollievo, nella risalita (Sulla scala mobile)?

In superficie la Città è poi effettivamente altra cosa? Apparentemente il mondo viene condiviso dalle creatura della Città, eppure le figure sono ombre, esistono in siluette oscure impregnare del mondo del sottosuolo. Ed ecco che l’artista imprime nel nero denso della grafite, sul buio della tenebra da cui tutti proveniamo e riemergiamo, i suoi tagli di Luce.

Scrive Maria Zambrano: “Nascere è un sacrificio alla luce?” …”Ed ogni volta che si nasce o rinasce, e nonostante il continuare a nascere di ogni giorno,  bisogna accettare quella ferita nell’essere, quella scissione  tra chi guarda e puo’ identificarsi con la cosa guardata e così continua a nascere, e l’altro, chi sente nell’oscurità e nel silenzio, tra la notte del senso, condannato a non nascere ora, a non nascere ancora. E bisogna Imparare a sopportarlo. Dopo la grande sofferenza, comincia a  nascere la speranza che anche il condannato per la luce ri-nasca in un’altra luce: che nasca una luce che lo faccia rinascere “. (Marìa Zambrano, “Adsum (1981)” in Sentimenti per un’autobiografia, Mimesis, 2012, p.26-27).

D.B.

Testo di presentazione  della mostra   “Metropolis”, “Disegni a Grafite”, di Fulvio Bucelli   Roma,  Via del Conservatorio 73, presso l’ “Associazione Vita Romana e Calambì”   Inaugurazione  giovedì 8 ottobre ore 19. Dall’ 8 ottobre-8 novembre 2014-

LE IMMAGINI: Momenti di Forza della Psiche Individuale

“Le Immagini Che il mistico Vede emanare Dal Centro del cuore Proprio pervadono lo spazio e poi SI riassorbono in lui deificandolo e quasi bruciandolo con il Loro lampeggiamento; Esse non Sono Immagini inerti e insignificanti: placano l’ondoso mare del Profondo e illuminano la SUA notte: Il dissidio dell’anima E’ Spento e sull’agitazione albeggia Una luce serena e immota “

“I portentosi esseri rappresentati nell’arte tibetana, dotati come sono di una forma libera di infinitamente esprimersi in un campo d’azione senza confini, provocano trasformazioni profonde nella coscienza di chi vi si accosta. Le stesse inquietanti divinità terrifiche , le manifestazioni irate della mente risvegliata:non sono più le bieche deità delle culture primitive, avide di sangue e di sacrifici; divengono simboli di momenti e di forze della psiche individuale e collettiva, non più proiettate fuori dell’anima come potenze implacabili e nocive, ma riconosciute come un dato dell’esperienza.” ».”

Giuseppe Tucci (Museo Orientale-Roma)

 

 

lettera aperta a LUOGHI DELLA CURA

Voglio concentrare la mia riflessione su un ‘osservazione che ha a che fare con ” i rifiuti’: è possibile mai buttare nella spazzatura , (per es.), pezzi di legno che potrebbero essere riutilizzati, riciclati , trasformati ? oltretutto sapendo che quei “pezzi” e “brandelli” di oggetti sono stati resi tali proprio da i pazienti che stiamo accogliendo, curando , guidando su una strada di trasformazione?
Non sarà questo rifiuto di accedere a quelle trasformazioni minime che hanno a che vedere con la quotidianità dei gesti e delle piccole cose, negazione di una responsabilità , a sua volta testimonianza sotterranea di dolore, incapacità di rivedere di riesaminare qualcosa?

Si potrebbe pensare al rifiuto e alla negazione, come modi di “insterilire il dolore, renderlo vuoto e inutile”.

Se usiamo il mondo naturale come scuola di vita, notiamo subito che la vita ricicla, rigenera e trasforma continuamente. Persino dai cadaveri il ” grano risorge con pallido volto dalla sua tomba ” , così scrive Walter Withman in Foglie d’erba, dopo aver osservato in una libreria di New York un’ antichissima immagine egizia di una mummia che viene cosparsa di acqua e dalla quale germogliano 28 spighe di grano”.
“In natura i rifiuti non esistono finché non siamo noi a rifiutarli”.
(Vedi Andrèe Bella Socrate in giardino, Ponte delle Grazie, 2014)

Il rifiuto delle piccole cose, nei gesti quotidiani, e’ una negazione che non può essere ignorata, ovunque la si viva . Purtroppo la incontriamo di frequente , ovunque, nei luoghi privati e in quelli pubblici , spesso in quelli istituzionali , dove spicca particolarmente , e in tutti quei luoghi che dovrebbero essere deputati alla cura.
I rifiuti , il rifiutare, il negare possono allora essere recuperati come segnali di malessere e di dolore che a loro volta hanno bisogno di essere curati e trasformati?!

Qualche giorno dopo aver scritto queste note, commentandole con Benedetta Silj, che ringranzio, ho trovato questo prezioso Blog che vi segnalo “RI-FIUTARE” : http://antoniettapotenteblog.blogspot.it/